1 GIUGNO 2011

Iori's Eyes (Milano)
www.ioriseyes.com

Foto:
(clicca sulle immagini per visitare gli album)

album1









Playlist:
ZOOM ZOOM FESTIVAL VII
Insieme dal 2003, dal robusto post-rock degli esordi approdano
al pop lo-fi dell'e.p. datato 2008 And everything fits in the yellow whale,
lavoro che accompagna alla musica illustrazioni e fotografie di artisti
emergenti vicini al duo.
Si accorgono di loro Rolling Stone, Rumore, La Repubblica e
altre importantissime testate giustificando i loro set di apertura
ad artisti internazionali del calibro di Blonde Redhead, !!!,
Noah And The Whale, Nouvelle Vague e i loro protettori italiani Ministri.
Chiamati alla conferma nel 2010, sbattono in faccia a tutti una maturità
sudata e inasprita nell'e.p. Matter of time.
Fra le realtà più sciolte e innovative del panorama italiano,
sono il piatto forte del primo giorno.

Tideland (Virginia - USA, Sons Of Vesta)
myspace.com/tidelandmusic
Dalla Virginia periferica, cazzoni, arrabbiati e un po' romantici
che qualche sospiro non guasta mai.
I Tideland si inseriscono perfettamente in quel punto di convergenza
fra grunge alla Nirvana e indie-rock di inizi anni Novanta in stile
My Bloody Valentine, che ha consegnato alla storia band fondamentali
come Dinosaur Jr altre alle quali la
scena alternativa odierna deve pressoché tutto.
Rumore caciarone ed etereo allo stesso tempo, ma riconducibile a melodie non di rado commoventi, è facile immaginare come dal vivo acquistino molti punti in più. L'America l'hanno girata tutta, coi compaesani Pigmy Lush e Pizza. Adesso tocca all'Europa, e passano anche da noi.

All My Hospitalized Children's Cove (Padova)
facebook.com/allmyhospitalizedchildrenscove
Esordio assoluto per un trio di musicisti dall'esperienza consolidata.
Con membri di The March Of Seasons e Apotheke gli All my hospitalized children's cove promettono di stupirci frullando la musica post anche più estrema, dai Mogwai ai God is an Astronaut fino ai Cult of Luna, con strutture e paesaggi dell'indie, del post-punk e dell'electro dagli Arcade Fire, ai Kings of Leon fino agli MGMT.

2 GIUGNO 2011

Gazebo Penguins (Correggio, To Lose La Track)
www.gazebopenguins.com
Sono l'ultimo, sensazionale prodotto del vivaio Triste, l'etichetta che con le uscite di Fine Before You Came, Verme e Distanti stanno rivoluzionando la scena italiana indipendente.
E' appena uscito Legna, un disco che si muove con freschezza e personalità in un punk rock becero e boscaiolo, con l'indie a far capolino ogni tanto, ma senza esagerare e senza mai rallentare. La notizia è che il disco ve lo fanno provare, prima che ci spendiate soldi.
Ossia, ve lo regalano per intero in download. Potete prepararvi gratis per quando chiuderanno il secondo giorno, quello più punk, di Zoom Zoom Festival. Davvero volete stare a casa?

Argetti (Vicenza, No Reason Rec.)
myspace.com/argetti
Se qualcosa è rimasto in Italia del punk-rock californiano e svedese degli anni d'oro dal '95 al 2005, questo è perfettamente e senza rivali incarnato negli Argetti.
Attivi dal tramonto di quell'indimenticabile stagione, da una terra che ha fatto ormai scuola (la Vicenza dei Derozer), nel trio veneto convivono con piglio che guarda più al futuro che ai fasti degli anni passati l'emo di Get Up Kids e At The Drive In e il punk rock senza troppi fronzoli che ha lanciato sugli skate migliaia di kids. Flags of Karma, il loro ultimo lavoro, è solo un assaggio della lezione che sono pronti a dare dal vivo a chiunque creda che il genere non abbia più nulla da dire tantomeno nel nostro paese.

Deltametrina (Padova)
www.deltametrina.com
Molto probabilmente, se venite a Zoom Zoom Festival, lo fate perché sapete che ci sono loro.
Non hanno bisogno di presentazioni, non mancano una sola edizione, sono i veri portafortuna dell'evento, ma sono soprattutto uno dei gruppi più longevi della scena padovana, sempre coerenti con loro stessi. Indipendenti dalla nascita, rigorosamente autoprodotti, con l'immancabile zanzara ad accompagnarli, il loro punk rock fa surf fra temi sociali e pungente ironia quando non addirittura ilarità. Emergenti?
Tutt'altro. Veterani ai quali di emergere, forse, non frega proprio un cazzo finché continua il divertimento.

3 GIUGNO 2011

Canadians (Verona, Ghost Rec.)
myspace.com/canadianstheband
In costante ascesa dal 2005, i Canadians sono la gallina dalle uova d'oro dell'indie-pop italiano.
La solarità dei Weezer, la malinconia Death Cab For Cutie, le melodie dei Beach Boys, la classe dei Beatles. In bilico fra passato remoto e prossimo, se il loro successo istituzionale è notevole (Heineken Contest, menzioni di rilievo su NME), quello in rete è addirittura clamoroso. I Canadians sono l'emblema del nuovo corso dove i social network possono più e meglio della televisione.
Due album, A sky with no stars del 2007 e The fall of 1960 dello scorso anno. Date in America e perfino al celebre Cavern Club di Liverpool. Ce ne sarebbe ancora a sufficienza per annoiarvi. Evitate, e venite a sentirli.

Zabrisky (Venezia, Wahwah Records)
myspace.com/zabrisky
Indie, shoegaze e garage-pop since 1995. Gli Zabrisky nel frattempo hanno suonato un po' dovunque, si sono rinnovati senza mai perdersi; per la prima uscita bisogna aspettare il nuovo millennio, il tempo di prendere coscienza dei propri mezzi senza fretta di bruciare le tappe.
Con tre dischi e un e.p. all'attivo, nonché diverse apparizioni in compilation, arrivano allo Zoom Zoom Festival forti del sostegno della stampa, di una carriera invidiabile, e della consapevolezza di essere pronti a un ulteriore salto.

Cinemabianchini (Padova)
myspace.com/cinemabianchini
A un anno di distanza dalla meritatissima chiusura dell'edizione dello scorso anno, la band torna quest'anno in apertura del venerdì con un disco in più: l'e.p.
L'Orbita, del quale è stato girato un video del brano Heavy Pressure, si situa tra l'emo-rock di Jimmy Eat World e Sunny Day Real Estate, da sempre marchio di fabbrica della componente della band che proviene dai Coupè Du Demon, e influenze dall'alternative rock (Smashing Pumpkins), dal post-hardcore (Thrice) e dal punk rock.
Fra i pochi superstiti di una scena un tempo florida come quella di Piove di Sacco, sicuramente una delle band di punta di tutto il padovano.

4 GIUGNO 2011

Forty Winks (Bologna, Unhip Rec.)
myspace.com/fortywinks
La seconda vita dei Forty Winks passa per il main act di Zoom Zoom Festival.
Nati nel 1999, entro il 2005 riescono a pubblicare due dischi, essere menzionati dalla rivista di culto Alternative Press, a suonare negli Stati Uniti e in Giappone, a dividere il palco Sonic Youth, Franz Ferdinand e aprire l'unico concerto italiano dei Blink 182 prima del temporaneo scioglimento della band californiana.
Nel frattempo arricchiscono le loro sonorità punkrock con sintetizzatori e influenze più mature e personali, diventando una delle band italiane più attive nel globo. I lavori per l'album appena uscito Bow Wow sono lunghi, ragionati e danno i loro frutti in un disco eclettico e incatalogabile, complice anche l'aggiunta di un quinto membro all'organico. Emblema musicale della tanto chiacchierata fuga di cervelli, perderseli sarebbe terribilmente italiano.


Plastic Made Sofa (Bergamo, Smoking Kills Rec.)
myspace.com/plasticmadesofa
Attivi da soli 3 anni, la storia dei Plastic Made Sofa assomiglia a quella di tutte le band nate nel garage del batterista.
Demo registrati in presa diretta, massiccia attività in rete, concorsi musicali per farsi un nome nella penisola e tanta, tantissima passione dal vivo. Apparsi allo Sziget (!!!), notati da Rockit, all'e.p. d'esordio hanno fatto seguire l'attesissima prova sulla lunga durata.
La ricetta è la solita: rock ruvido dagli states intrecciato alla vena melodica easy listening d'oltremanica. Eppure a loro funziona meglio di molti altri.

Supertempo (Venezia, Wahwah Records)
myspace.com/supertempo
Sono veramente appena nati, ma sul palco già fanno il bello e il super tempo.
Supertempo goes prestissimo è il loro primo e.p., 6 pezzi raramente sopra i due minuti, fra il punk e l'indie rock 'n roll che li stanno portando già a suonare oltre il confine.
Venite presto sabato, potrebbe essere l'ultima volta che li vedete in contesti così casalinghi e GRATIS.